Luca Matarazzo sta per essere trasferito in Italia, respinto il ricorso
Respinto il ricorso presentato dagli avvocati all'autorità giudiziaria iberica, Matarazzo dovrebbe essere trasferito in Italia nelle prossime ore

22 gennaio 2018

MADRID - Si avvicina il momento dell'estradizione in Italia per Luca Matarazzo, accusato dell'omicidio del fratello Vittorio, consumato a Napoli il 28 novembre 2016. La Corte di giustizia spagnola ha respinto il ricorso avverso alla decisione del giudice di autorizzare il trasferimento dopo l'arresto del 2 gennaio in un ristorante a Siviglia, dove Matarazzo aveva trovato lavoro. L'accusato dovrebbe essere a disposizione della giustizia italiana già nei prossimi giorni. Il 7 febbraio è fissata l'udienza preliminare. La difesa, riferisce Repubblica, proverà a chiedere un rinvio, sottolineando il mancato interrogatorio di garanzia. Gli avvocati di Matarazzo, Gaetano e Marialuigia Inserra, valuteranno se impugnare l'ordinanza dinanzi al Riesame.

Nel frattempo, dagli atti depositati dalla Procura di Napoli, emergono nuovi elementi. Un commercialista amico di Vittorio Matarazzo ha raccontato che la vittima gli avrebbe raccontato di temere per la propria vita. Dinanzi alle lamentele per alcune preoccupazioni , gli avrebbe risposto: «Ti preoccupi per queste sciocchezze, che devo dire io che temo per la mia vita, in quanto ritengo che mio fratello mi voglia uccidere». Tali confidenze, insieme ad altri elementi come le dichiarazioni di uno studente residente in viale Maria Cristina, teatro dell'omicidio, che avrebbe visto un uomo col casco allontanarsi dal luogo del delitto, saranno a disposizione del gup Sabella il prossimo sette febbraio. Tra verbali e atti investigativi, si parla di faldoni da migliaia di pagine.

© Riproduzione riservata