Martedi 19 settembre 2017 17:07

Napoli, profugo spacciatore aggredisce polizia in via Carriera Grande
Un giovane profugo della Guinea Bissau è stato arrestato in via Carriera Grande dopo essere stato sorpreso a spacciare stupefacenti

22 maggio 2017



NAPOLI - Sorpreso a spacciare, ha spaccato una bottiglia e ha minacciati gli agenti di polizia. Un giovane di 20 anni, originario della Guinea Bissau, è stato arrestato ieri sera in via Carriera Grande, a due passi da piazza Garibaldi. Domiciliato presso un centro di accoglienza di Vairano Scalo è stato notato, intorno alle 21,50, mentre cedeva alcune dosi di sostanza stupefacente. Circondato dagli agenti dell'Upg della Questura di Napoli ha cercato di sfuggire alla cattura brandendo una bottiglia che aveva spaccato sul selciato. Lo stratagemma non è servito a niente. I poliziotti, in servizio di controllo in collaborazione con i militari dell’Esercito Italiano, lo hanno bloccato e perquisito, rinvenendo 16 stecchette di hashish tipo afgano ed una banconota prezzo dell’ultima dose appena ceduta.

L’africano, con precedenti per violazione alla normativa sulle sostanze stupefacenti ed entrato in Italia come profugo il 17 luglio del 2015, è stato pertanto arrestato e associato alla Casa Circondariale di Napoli – Poggioreale. Due poliziotti ed un militare sono stati invece condotti presso il pronto soccorso dell’ospedale San Giovanni Bosco, medicati dai sanitari e da questi giudicati guaribili tutti in due giorni.

© Riproduzione riservata