Domenica 20 agosto 2017 15:29

Omicidio coniugi Giugliano: fermato l’assassino, un fioraio di 30 anni




GIUGLIANO IN CAMPANIA (NA) - E' stato arrestato dopo una lunga notte di interrogatori Antonio Riano, 30 anni, incensurato, accusato per l'omicidio della coppia di coniugi di Giugliano, Luigi Simeone e di Immacolata Assisi. Il trentenne lavora col padre che di mestiere è fioraio ed ha una bancarella fuori al cimitero di Soccavo. Questioni finanziarie legate alla compravendita di un appartamento sarebbero il movente del delitto. Schiacciante un sms per combinare un incontro in pizzeria e gli orari dell'appuntamento. Gli stessi che la vittima, Immacolata, ha mostrato poche ore prima di morire all’amica del cuore, una vicina di casa che ieri ne ha parlato a lungo con gli inquirenti. Ma non solo, a tradire il Riano un'impronta digitale su una macchia di sangue della vittima per la quale la Procura non ha dubbi nel determinare la colpevolezza, o quantomeno il coinvolgimento del 30enne, nel duplice delitto. Tra le altre prove una telecamera di via Ripuaria avrebbe ripreso il taxi di Simeone sabato sera seguito dall'auto di Riano. Quindi l’ultimo appuntamento della coppia non sarebbe stato con un gruppo di amici, ma non è detto nemmeno che la coppia sarebbe arrivata al ristorante. L’assassino potrebbe averli intercettati prima, o all’ultimo momento ci potrebbe essere stato un cambiamento di programma. © Riproduzione riservata