Napoli. Tassametri spenti e irregolarità, stretta contro i taxi abusivi
Giro di vite della polizia municipale contro il fenomeno del noleggio abusivo di taxi a salvaguardia dei turisti e della cittadinanza.

23 novembre 2016



NAPOLI - Operazione della polizia municipale a Napoli contro il fenomeno dei taxi abusivi. Le zone oggetto di controllo sono state la stazione Centrale e l’aeroporto di Napoli dove nelle ore serali c’è il maggior afflusso di cittadini e di turisti. Sono state contestate in tutto 7 infrazioni ai tassisti per la violazione del vigente regolamento comunale tra cui: mancanza del tariffario a bordo e mancato rilascio della ricevuta di pagamento. Per tutti seguirà la segnalazione all’ufficio competente per i successivi adempimenti.

Corse a tassametro spento

Altri 5 tassisti sono stati verbalizzati con il relativo ritiro della licenza di corso pubblico in quanto avevano a bordo passeggeri con tassametro spento e non rilasciavano ricevuta di corsa predeterminata, tra “i clienti” dei taxi vi risultavano anche cittadini di nazionalità straniera.

Tassista senza voucher

All’Aeroporto di Capodichino è stato verbalizzato un conducente, autorizzato per il noleggio da parte del Comune di Melito, mentre cercava di contattare clienti, nello specifico turisti di nazionalità cinese, per offrire il servizio di trasporto senza essere in possesso del voucher previsto per effettuare la corsa. Chi si trova al di fuori del Comune di appartenenza può, infatti effettuare il trasporto solo tramite voucher e non come trasporto di piazza. Per il trasgressore è scattata, pertanto, la sanzione pecuniaria ed il fermo amministrativo del veicolo.

© Riproduzione riservata