Martedi 12 dicembre 2017 03:40

Hotel Rigopiano, Stefano Feniello è morto: lo ha riconosciuto il padre

24 gennaio 2017



PESCARA - Stefano Feniello è morto. Non ce l'ha fatta il giovane campano di Valva, disperso nell'hotel Rigopiano. Riferisce Il Mattino che è stato il padre a riconoscerlo da un tatuaggio dopo il ritrovamento del corpo. Le speranze di estrarlo vivo erano oramai scemate, questa sera è arrivata l'amara conferma. Il giovane è stato ammazzato dalla slavina che si è abbattuta sull'albergo, dove era arrivato con la fidanzata per festeggiare il compleanno e i cinque anni di fidanzamento. Avrebbero dovuto trattenersi per una sola notte. Un soggiorno breve, ma fatale. «Abbiamo sperato fino alla fine, sempre. Lo abbiamo fatto anche quando per un errore avevano dato per vivo Stefano – dice il sindaco di Valva, Vito Falcone – Ora è arrivata la notizia peggiore di tutti. È un dramma per la famiglia a cui siamo vicini, è un dramma per la nostra comunità che ha vissuto e partecipato in questi giorni così difficili».

© Riproduzione riservata