Sabato 18 novembre 2017 16:57

Napoli. Capodimonte, addio a barbacani e contrafforti

24 gennaio 2017



NAPOLI - Il direttore del Real bosco di Capodimonte e del relativo museo, Sylvain Bellenger, ha ufficializzato nelle scorse ore l'aggiudicazione per il bando di rimozione dei barbacani e dei contrafforti di via Miano.

Un traguardo, quello dell'attuale amministrazione museale che vedrà la sua realizzazione già ai primi di maggio.

Risale a dicembre la gara d'appalti per l'aggiudicazione del lotto di lavori di messa in sicurezza e a uscirne vincitrice è stata la Ma.Res, il cui incarico è stato formalizzato all'indomani dell'ok da parte dell'Anac.

Così Bellenger ha commentato la riuscita dell'operazione: «Fin dal mio insediamento a novembre 2015 mi sono attivato per la messa in sicurezza della collina di Capodimonte.  Il 26 gennaio avrà inizio l'ultima parte di questo lotto di lavori»

I lavori consisteranno nella rimozione totale dei blocchi in cemento e dei barbacani, dopodiché si procederà all'installazione di placche e tiranti all'interno del muro.

«Il nostro lavoro non si ferma qui - ha promesso il direttore del sito culturale - Tutto il muro di cinta del Real Bosco, per un totale di 20 km complessivi, verrà restaurato e diventerà l'elemento di identità della Reggia. Un'apposita segnaletica renderà evidente tutto ciò che si trova al suo interno: dalla Reggia al favoloso bosco con i suoi edifici e i suoi circa 140 ettari di estensione che racchiudono una flora unica al mondo con caratteristiche botaniche che non si trovano né in Italia né in altri luoghi, stratificate nel corso dei secoli».

 

© Riproduzione riservata