Martedi 19 settembre 2017 15:42

Napoli, Imu, Tasi e tassa di soggiorno: tutte le novità
La giunta comunale ha deliberato le modifiche alle aliquote tributarie per l'anno 2017, aumentano la tassa di soggiorno e la soglia per l'esenzione dall'addizionale Irpef

24 marzo 2017



NAPOLI - La giunta comunale di Napoli ha approvato le deliberazioni propedeutiche al bilancio d’esercizio 2017 - 2019, in particolare quelle relative all'aggiornamento dei regolamenti tributari, nonché alla definizione delle aliquote e tariffe per l’anno 2017. Per la tassa sui rifiuti restano confermate  le tariffe del 2016, prevedendo contestualmente un accelerazione degli investimenti destinati al miglioramento della raccolta differenziata. Saranno introdotte una riduzione tariffaria per il recupero dei beni alimentari ceduti a titolo gratuito per il contrasto agli sprechi alimentari e un'agevolazione per la riduzione rifiuti da parte dei ristoratori che eliminano il monouso con l’introduzione di prodotti riutilizzabili (no plastica e carta – si vetro e tessuti). Sarà prevista anche una riduzione della tassa per le vittime di fenomeni delinquenziali che denunciano ogni forma di estorsione, corruzione o concussione anche indiretta. Per le utenze domestiche è previsto uno scontro del 50 percento per le abitazioni locate con contratto sottoscritto e conforme all’Accordo Territoriale per la Città di Napoli. La misura è applicata congiuntamente alla previsione di un’aliquota agevolata dell’Imposta municipale unica (dal 10,6 all’8 per mille). È stata individuata, inoltre, una categoria ad hoc per i Bed and Breakfast, con riduzione di quasi il 50% rispetto alla tariffa applicata alle strutture ricettive.

Aumenta la tassa di soggiorno

Per Imu e Tasi sono state confermate le aliquote e delle agevolazioni già presenti, nonché adeguamento del regolamento alle novità normative approvate. Aumenta, invece, l'imposta di soggiorno. Previo accordo con gli albergatori, ci sarà un adeguamento delle tariffe di 50 centesimi a notte. Estensione delle notti soggette al pagamento da un massimo di 10 a 14 consecutive. Saranno stipulati accordi di riscossione direttamente con piattaforme informatiche di prenotazione e verrà attivato un software, denominato “Tourist tax”, per la trasmissione informatica delle dichiarazioni delle strutture ricettive, con adeguata assistenza telefonica. Per i canoni relativi alle occupazioni di suolo pubblico ci sarà un aumento, pari al 10 percento sulle concessioni di tavoli e sedie di durata quadrimestrale, al fine di favorire la richiesta di concessioni permanenti. Lo stesso aumento sarà introdotto, con la finalità di evitare abusi, per le occupazioni con scavi e cantieri realizzati dalle società erogatrici di pubblico servizio e per le esposizioni di messaggi pubblicitari sui ponteggi per i periodi successivi ai 6 mesi. Dal primo ottobre, inoltre, il segnale del passo carrabile dovrà recare, accanto al numero e l'anno di rilascio della concessione, il QR-Code associato agli atti autorizzativi rilasciati dal competente Servizio. Sarà prevista una riduzione della maggiorazione nei casi di abusività, a parità di sanzioni, per eliminare gli effetti distorsivi nella determinazione del dovuto e permettere al cittadino di regolarizzarsi con più facilità.

Aumenta la soglia di esenzione dell'addizionale Irpef

La giunta ha approvato, inoltre, la modifica della soglia di esenzione dell’addizionale comunale dell’Irpef, che passa da 15mila ad 8mila euro. La decisione è stata presa, fa sapere Palazzo San Giacomo, per «per attutire in parte l’ennesimo taglio ai trasferimenti subiti». «Le difficoltà che il Comune di Napoli sta incontrando – dichiara l’Assessore Palma - avrebbero posto a chiunque altro un grave problema di sopravvivenza. Quello che non emerge mai dalla stampa è che mentre ci stiamo avviando al quinto anno previsto nel piano pluriennale di riequilibrio, oggi l’Ente è impegnato, da una parte, a raggiungere l’obiettivo fissato nel piano decennale, e nello stesso tempo a parare i colpi di continui tagli ai trasferimenti, in un quadro di regole contabili sopraggiunte che per un ente in predissesto hanno un inesorabile effetto pro ciclico».

© Riproduzione riservata