Lite tra 14enni in Irpinia degenera in violenza: uno in ospedale e l’altro arrestato

24 aprile 2017



MIRABELLA ECLANO (AV) - Una banale lite tra ragazzini vede uno ricoverato in ospedale che lotta tra la vita e la morte e un altro in un centro di accoglienza per minori con l'accusa di tentato omicidio. Protagonisti due 14enni di Mirabella Eclano, provincia di Avellino, che nella notte tra sabato e domenica scorsi, all'esterno di un bar del centro sono venuti alle mani. Una lite violenta per futili questioni degenerata prima in una discussione accesa poi nella violenza fisica.

Il giovanissimo ricoverato, secondo la ricostruzione dei carabinieri, ha battuto fortemente la testa contro il marciapiede perdendo i sensi. Immediato è stato il soccorso da persone che hanno assistito al litigio ed hanno chiesto l'intervento del 118. Il ragazzo è stato trasportato prima all'ospedale di Ariano Irpino e poi trasferito, per l'aggravarsi delle sue condizioni, all'ospedale di Avellino. E' in prognosi riservata, mentre l'amico è stato arrestato dai carabinieri del comando provinciale di Avellino con l'accusa di tentato omicidio.

Sull'accaduto indaga la procura della Repubblica del Tribunale per i minori di Napoli.

© Riproduzione riservata