Venerdi 17 novembre 2017 20:24

Sicurezza sui mezzi pubblici, in arrivo la cabina blindata per il conducente

24 giugno 2016



NAPOLI – Dopo l’avvio della sorveglianza armata negli stazionamenti a rischio proseguono le iniziative volte a contrastare l’emergenza sicurezza sui mezzi pubblici. È stato presentato, infatti, un prototipo di cabina blindata che verrà installata sugli autobus Ctp, nell’ambito di un progetto sulla sicurezza dei trasporti pubblici, una sorta di capsula di sicurezza al cui interno verranno posizionati il volante e il sedile del conducente. Il modello sarà installato in via sperimentale a bordo di un autobus Ctp che collega il capoluogo campano ai comuni di Arzano e Frattamaggiore. «Nelle prossime ore – ha spiegato il presidente della Compagnia Trasporti Pubblici di Napoli, Augusto Cracco - i tecnici monteranno la prima chiusura del posto guida su un un Iveco Cityclass a metano. Si tratta di un prototipo che consentirà di capire i costi dell’intero progetto. Ci sta a cuore non solo la sicurezza dei nostri dipendenti ma in maniera uguale quella dell’utenza per questo stiamo valutando la possibilità di installare sui bus il wi-fi. Così potremo essere aggiornati in tempo reale tramite webcam».

La sperimentazione della cabina blindata per il conducente è solo l'ultima di una lunga serie di misure adottate per arginare l'emergenza sicurezza a bordo degli autobus. Solo pochi giorni fa l'Anm ha annunciato la presenza di guardie giurate armate negli stazionamenti di via Argine, Piazza Garibaldi e Piazzale Tecchio a partire dalle 18:00 fino al termine del servizio, in attesa della riattivazione del progetto Linea Sicura, che prevede la presenza di agenti della polizia Municipale a bordo degli autobus.

Tra le iniziative messe in campo va annoverato anche un corso di autodifesa destinato ai conducenti degli autobus, come annunciato dal presidente della Ctp Cracco: «Per aumentare la sicurezza i nostri dipendenti sono attualmente impegnati in un corso per diventare poliziotti amministrativi, ma a settembre inizieranno anche corsi gratuiti di autodifesa tenuti proprio da un dipendente, Raffaele Lettieri, campione europeo di Kick Boxing. Purtroppo non ci sono molte risorse provenienti dal ministero dell’Interno, così come azienda abbiamo scelto di mettere in campo tutte le risorse possibili».

© Riproduzione riservata