Domenica 19 novembre 2017 20:30

Il procuratore Colangelo «Napoli non è Gomorra. C’è voglia di riscatto»




NAPOLI - «Napoli non è più Gomorra perché vi è una consapevolezza diversa da parte dei cittadini. Non la possiamo considerare una terra destinata, inevitabilmente, alla perdizione. È un territorio che ha voglia di riscatto e bisogna sostenere queste voglie». E' quanto dichiarato da Giovanni Colangelo, procuratore capo di Napoli, intervistato da Klaus Davi per il programma "KlausCondicio on air" su YouTube. Colangelo prosegue aggiungendo che nel capoluogo campano «ovviamente a Napoli è innegabile la presenza di una forte criminalità organizzata, ma vi è altresì una maggiore consapevolezza e una voglia di riscatto fortissima che vanno alimentate». Sulla scalata alle gerarchie criminali di giovanissimi boss, il procuratore capo di Napoli ha risposto «Questo è un settore sul quale si gioca il futuro di questa terra. Dobbiamo considerare che alla fine la percentuale di questi giovani per fortuna è una minoranza rispetto alla gran parte della popolazione. È necessario fare terra bruciata con una diffusione del concetto di legalità e di espansione delle potenzialità dei giovani operando sul campo dell'istruzione e della conoscenza. Ripeto una frase famosa "la conoscenza e l'istruzione sono gli strumenti più potenti che abbiamo per cambiare le cose, per cambiare il mondo"». © Riproduzione riservata