Mercoledi 13 dicembre 2017 04:49

«Ho l’Aids», rapinatore semina il terrore sul treno Napoli-Sapri

26 febbraio 2017



NAPOLI - «Ho l'Aids, datemi i soldi». Con la minaccia di una siringa, ieri pomeriggio, ha seminato il terrore sul treno regionale partito da Napoli Centrale e diretto a Sapri. L'uomo, un pregiudicato di 46 anni originario di Nocera Inferiore, ha iniziato ad urlare contro i passeggeri, scatenando il terrore all'altezza di San Valentino Torio. I passeggeri, atterriti, hanno iniziato a consegnargli denaro contante, smartphone, borse e zaini. Nel vagone, però, era presente  un ufficiale dei carabinieri, che ha fatto allontanare i passeggeri dalla carrozza per isolarvi all'interno il bandito.

Decisivo l'intervento di un carabiniere

A quel punto il rapinatore, dopo aver afferrato il martello frangivetro, ha tentato di rompere i finestrini, prima di tirare il freno di emergenza che ha arrestato la corsa del treno. Prima di allontanarsi a piedi ha tentato di rapinare un'altra ragazza, colpendola con il martello a seguito del suo rifiuto. La centrale operativa del comando provinciale di Salerno, allertata dall’ufficiale dei carabinieri, ha fatto scattare le ricerche attraverso le pattuglie in servizio di controllo del territorio. Dopo pochi minuti, l’uomo è stato localizzato e bloccato da una pattuglia lungo una strada che costeggia la linea ferroviaria. I militari hanno anche recuperato tutta la refurtiva.

L'arrestato è già noto alle forze dell'ordine

Il 46enne, già sottoposto agli arresti domiciliari per reati contro il patrimonio, è finito in manette con l’accusa di rapina aggravata e lesioni personali, nonché di evasione. Inoltre, dovrà rispondere anche del reato di interruzione di pubblico servizio per aver arrestato la corsa del treno, che dopo pochi minuti ha ripreso regolarmente la marcia. La ragazza ferita, una 20enne di Eboli, ha riportato lievi lesioni per le quali è stata medicata all’ospedale 'San Giovanni di Dio e Ruggi d'Aragona' di Salerno.

© Riproduzione riservata