Venerdi 18 agosto 2017 01:21

Due arsenali scoperti in meno di 24 ore a Napoli, rinvenuti fucili e pistole




NAPOLI - Un vero arsenale era nascosto sotto un cumulo di rifiuti stipato nell’area del complesso di edilizia popolare di via Pazzigno, nel quartiere San Giovanni. Lo hanno ritrovato i carabinieri del nucleo operativo della compagnia Poggioreale. I militari hanno trovato un fucile automatico Ak-47 con caricatore inserito e una pistola semiautomatica calibro 9 con il colpo in canna e 5 cartucce nel caricatore. Il piccolo arsenale era composto da armi perfettamente oliate e pulite, avvolte in una coperta e nascoste sotto un cumulo di rifiuti, ovviamente un nascondiglio momentaneo che lascia facilmente intuire che il fucile mitragliatore e la pistola o erano stati appena usati o sarebbero serviti. Dagli accertamenti la pistola è risultata oggetto di una rapina perpetrata il 14 dicembre 2014 a Giugliano: ispezionando accuratamente i luoghi in prossimità’ del rinvenimento, gli operanti hanno trovato inoltre, nascosta nella vegetazione, una bottiglia di plastica con all'interno 48 colpi calibro 9 parabellum. anche questa contingenza significativa circa la situazione di appoggio temporaneo del piccolo arsenale. Le armi sequestrate, risultate funzionanti, saranno inviate al Racis di Roma per la comparazione e la verifica di un loro eventuale utilizzo in fatti di intimidazione o di sangue. Un secondo ritrovamento è stato effettuato dalla polizia nel quartiere Soccavo, in via Croce di Piperno. Gli agenti della squadra mobile, coordinata dal primo dirigente Fausto Lamparelli,  hanno rinvenuto e sequestrato un fucile semiautomatico di fabbricazione turca, con due colpi in canna ed un fucile mitragliatore Ak-47 Kalashnikov, completo di caricatore e munizioni inserite, oltre a 400 munizioni di vario calibro. Le armi, entrambe ben lubrificate e in perfetto stato d’uso. Le armi sono state recuperate durante una perquisizione, effettuata nell’ambito delle operazioni denominate “Alto Impatto”. © Riproduzione rifiuti