Giovedi 17 agosto 2017 08:05

Livorno, la nave si inclina: muore un elettricista napoletano




LIVORNO - Succede nel cantiere navale Azimut - Benetti, dove la nave oceanografica Urania si è inclinata di circa trenta gradi a causa del cedimento di un puntello di sostegno. L'incidente ha causato il rovesciamento di alcuni materiali di bordo che hanno centrato in pieno quattro operai, uno di questi, 39 anni, un elettricista di Napoli, ha perso la vita prima dell'intervento dei soccorsi. Gli altri tre sono stati ricoverati in ospedale con alcuni traumi, uno di questi sembra sia essere in gravi condizioni. Altri otto operai sono stati trasportati al pronto soccorso, ma non erano direttamente coinvolti nell'incidente. Erano circa le 19.00 quando uno dei puntelli di sostegno dell'Urania è ceduto, facendo inclinare la nave che ha urtato contro il bacino di galleggiamento - la cui struttura è rimasta danneggiata dall'impatto. La nave si trovava lì per dei lavori di allungamento dello scafo, erano circa sei mesi che i lavori si protraevano senza sosta. Sul posto soo intervenuti gli uomini del 118, accompagnati dall'intervento congiunto di Vigili del Fuoco, Capitaneria di Porto e della Polmare. Il bacino di carenaggio e l'imbarcazione sono stati posti sotto sequestro dalla procura, mentre gli agenti stanno investigando per ricostruire la dinamica dell'incidente. Tempestive le parole del presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi «Esprimo tutta la mia vicinanza ai lavoratori e alle loro famiglie. Anche questa volta, grazie a una legge regionale interverremo con un indennizzo economico a sostegno della famiglie, come è già accaduto in altri incidenti sul lavoro. Dobbiamo fare ancora di più per garantire la sicurezza sui luoghi di lavoro». A fargli eco, la più formale dichiarazione del Cnr - che in più occasioni ha utilizzato l'Urania per campagne oceanografiche nel Mediterraneo - che esprime «il proprio più profondo cordoglio e la propria vicinanza e solidarietà alle famiglie della vittima e dei feriti dell' incidente». Intanto, sul posto si è recata anche il vicesindaco di Livorno, Stella Sorgente, mentre le Rsu locali hanno indetto uno sciopero per domattina di tutti gli operai del cantiere.