Martedi 26 settembre 2017 23:39

Assenteisti al Loreto Mare, De Luca: «La soluzione? Le impronte digitali»




NAPOLI - Estendere a tutti gli ospedali della Campania il sistema in vigore al Ruggi d'Aragona di Salerno che utilizza le impronte digitali, invece del classico badge, per segnare accesso e uscita dei dipendenti. Punta a questo il presidente della Campania, Vincenzo De Luca, dopo il caso eclatante dei 55 arresti ai domiciliari di medici, infermieri e impiegati del Loreto mare di Napoli.

Il presidente parlandone ai cronisti a margine della conferenza stampa di Corporea (che sarà inaugurata sabato 4 marzo 2017 a Città della Scienza), ha spiegato che il sistema ha funzionato bene nel nosocomio salernitano. «Per questo stiamo studiando il modo di estenderlo a tutti gli ospedali in modo da rendere quasi impossibile truffe come quelle che conosciamo e utilizzano i badge».

«Per combattere l'assenteismo - ha spiegato - il governatore della Campania pensa ad altri due interventi paralleli: stipulare un'intesa con i Nas per opportune verifiche e studiare un modo attraverso il quale monitorare e controllare la presenza nel luogo specifico di lavoro di tutti i dipendenti. Un sistema, dunque, per verificare in modo costante l'effettiva presenza e non solo l'entrata e l'uscita».

Articoli correlati

Assenteismo al Loreto Mare, gli interrogati non rispondono ai giudici
Terremoto al Loreto Mare, blitz anti assenteismo: 94 indagati e 55 arresti
De Luca: «Saremo inflessibili»
La decisione della Procura: gli arrestati lavoreranno nonostante i domiciliari
Lorenzin: «Gli assenteisti? Una piaga della pubblica amministrazione»
Assenteismo al Loreto Mare, sit in dei precari: «Licenziate gli infedeli»
© Riproduzione riservata