Domenica 22 ottobre 2017 08:35

Napoli, domenica bestiale in piazza Garibaldi: furti, sequestri e arresti

27 febbraio 2017



NAPOLI - Domenica di controlli nell'area di piazza Garibaldi. La polizia municipale, unitamente al personale della Asl, ha eseguito una serie di ispezioni nei negozi di alimentari lungo corso Novara. Nei controlli è stato individuato un market “orientale “, che vendeva alimenti avariati e privi di etichette di provenienza e traduzione nella lingua Italiana. Sono stati sequestrati carni, prodotti ittici e vegetali. Entro 48 ore il titolare, verbalizzato per imbrattamento del suolo pubblico per aver depositato rifiuti misti al suolo, dovrà produrre idonea certificazione dei prodotti in conserva pena la confisca e la distruzione di tutti i prodotti.

Tre arresti per furto

Durante il pattugliamento dell'area antistante la stazione Centrale, gli agenti hanno arrestato un cittadino tunisino di 21 anni, responsabile di furto ai danni di una cittadina di nazionalità cinese cui aveva rapinato il telefono cellulare. Lo smartphone è stato restituito alla vittima ed il malvivente è stato successivamente condannato con rito direttissimo alla pena di sei mesi di reclusione. Successivamente è stato tratto in arresto in flagranza di reato un cittadino di nazionalità marocchina , K.B. di anni 30, resosi responsabile del reato di rapina ai danni di una italiana, provocandole lesioni tali da farla ricorrere al vicino nosocomio Loreto Mare. Gli agenti, attratti dalle urla della vittima hanno inseguito il soggetto che, dopo una colluttazione, è stato tratto in arresto. Alla vittima è stato restituito il telefono cellulare ed il colpevole a giudizio con rito direttissimo è stato condannato alla pena di 1 anno di reclusione con pena sospesa e euro 400 di ammenda. Un terzo furto ha visto protagonista un cittadino di nazionalità rumena, M.P. di 34 anni, fermato dopo aver sottratto dei generi alimentari in un supermercato. Gli agenti, intervenuti su segnalazione del commerciante, hanno bloccato il ladro. Successivamente  si è scoperto che a carico dello stesso pende un provvedimento di esecuzione con contestuale decreto di sospensione. Il rumeno è stato anche denunciato a piede libero per furto.

© Riproduzione riservata