Domenica 20 agosto 2017 11:43

Le mani dei Casalesi sull’area Pip di Aversa, due imprenditori arrestati




NAPOLI - Due imprenditori sono stati arrestati questa mattina all'alba dai Carabinieri a Napoli e in provincia di Caserta. I provvedimenti sono stati eseguiti in un'inchiesta della Dda di Napoli su appalti truccati nella realizzazione del Piano degli insediamenti produttivi di Aversa. Secondo gli inquirenti, dietro il Pip ci sarebbe il clan dei Casalesi. Uno degli imprenditori, che opera nel settore edile, è accusato di associazione per delinquere di tipo mafioso; l'altro di intestazione fittizia di beni e turbata libertà degli incanti con l'aggravante del metodo mafioso. Durante le indagini - si apprende dai Carabinieri - sono stati raccolti elementi sull'appartenenza alla fazione Iovine del clan dei Casalesi di uno dei due imprenditori, del quale non è stato finora reso noto il nome. L'uomo, originario dell'agro aversano, è noto per lavori realizzati in Campania. Secondo gli investigatori, negli anni dal 2007 al 2011, grazie a società di comodo riconducibili al clan dei Casalesi, riuscì ad aggiudicarsi la gara d'appalto per la realizzazione dell'area Pip di Aversa. © Riproduzione riservata