Mercoledi 20 settembre 2017 23:55

Casoria, treno assaltato da venti teppisti: feriti macchinista e capotreno




CASORIA (NA) - 25 aggressioni sfociate in sole 13 denunce, è il bilancio stilato in Campania delle aggressioni a bordo dei treni e nelle stazioni dall'inizio del 2015, stilato dalle Ferrovie dello Stato. L'ultima è avvenuta ieri sera, il treno delle 19.51 Napoli - Caserta è partito da poco quando un gruppo di teppisti inizia a mettere a soqquadro tutto, sotto gli occhi dei 300 passeggeri che non hanno mosso un dito, eccetto avvertire il capotreno. A farlo sapere è un comunicato delle Fs. E a farne le spese è stato il povero ferroviere che è stato malmenato e colpito con calci e pugni, ricevendo anche qualche sputo. La banda non si placa, anzi, sembra che quanto più si tenti di usare la ragione, tanto più questa si inferocisce: il capotreno è costretto a correre ai ripari, e cercare rifugio nella cabina di pilotaggio, assieme al conduttore della vettura. I disagi continuano e il povero malcapitato viene ferito a una mano da un sasso lanciato contro il vetro della cabina di conduzione. Il bilancio dei danni a bordo comprende lo sradicamento di un estintore e porte spiombate, il blitz è portato avanti da circa una ventina di facinorosi armati di mazze e pietre. Intanto dalla cabina di pilotaggio viene allertata la Polizia di Stato, il treno è all'altezza della stazione di Casoria quando qualcuno ha tirato il freno d'emergenza. Il branco abbandona il treno e da fuori comincia a bersagliare con il lancio di sassi la vettura. Della Polizia non c'è ancora nemmeno l'ombra, il gioco per il gruppo di facinorosi non è durato troppo e cominciano a prendere di mira la stessa stazione: panchine, cestini, bacheche con gli orari affissi vengono distrutti, perfino i sifoni e i rubinetti hanno riportato dei danni. Passano alcuni minuti, la Polizia potrebbe arrivare a momenti e la gang decide che è il momento di battere in ritirata. Un treno messo a soqquadro, una stazione devastata e un ferito: questo è il bilancio di una serata di follia. Il capotreno e il macchinista hanno finalmente ricevuto le dovute cure, mentre i passeggeri sono stati trasportati a casa con autobus sostitutivi. Sono le 20.35 quando arriva la Polizia, i facinorosi si sono ormai dileguati nel nulla. Restano solo le registrazioni delle telecamere di sicurezza poste all'interno della stazione di Casoria, che potrebbero contribuire allo svolgimento delle indagini. Intanto da stasera il treno delle 19.51 Napoli Caserta è stato scortato dalla Polfer. Nel comunicato appare anche un messaggio a nome dell'amministratore delegato delle Fs, Michele Mario Elia, e dell'intero gruppo, nel quale è espressa «la solidarietà alle vittime dell’aggressione e a tutti coloro che si sono trovati in situazioni analoghe, ribadendo l’impegno con le Forze dell’Ordine ad assumere tutte le iniziative necessarie per tutelare chi svolge il proprio dovere durante l’attività di lavoro.» ©Riproduzione riservata