Mercoledi 13 dicembre 2017 00:57

San Giorgio a Cremano, lavori socialmente utili in alternativa al carcere: firmata la convenzione con il Tribunale di Napoli
Gli indagati per reati minori potranno svolgere gratuitamente lavori di pubblica utilità presso il comune del napoletano




SAN GIORGIO A CREMANO - Lavori socialmente utili in alternativa alla detenzione carceraria. Dopo il Comune di Procida anche San Giorgio a Cremano realizza un importante passo in avanti in campo giudiziario, aprendo le porte ad un nuovo strumento di recupero e di rieducazione dei soggetti incappati in reati minori. Il sindaco del Comune, Giorgio Zinno, ha infatti firmato una convenzione con il Presidente del Tribunale Penale di Napoli per la cosiddetta "messa alla prova", la misura alternativa alla detenzione introdotta dalla legge del 28 Aprile 2014 che prevede, su richiesta dell'imputato, la sospensione del procedimento penale e il suo inserimento all'interno di un programma riducativo incentrato su attività di pubblica utilità. Un'occasione concessa ai soli indagati per reati minori, puniti con pene pecuniarie o con un periodo di detenzione inferiore ai quattro anni.

Il patto sottoscritto dal primo cittadino permetterà ai soggetti indagati di svolgere gratuitamente presso il Comune di San Giorgio a Cremano attività in favore della collettivà quali ad esempio lavori di manutenzione e pulizia del patrimonio immobiliare e del verde pubblico, lavori a supporto della protezione civile e attività di vigilanza del verde e delle scuole, nonchè prestazioni di sostegno agli uffici comunali o attinenti alla specifica professionalità degli imputati. L'ente stipulerà accordi individuali con ciascuno dei soggetti interessati alla messa alla prova, individuando al proprio interno un referente per tutta la durata del percorso rieducativo: complessivamente saranno 15 le persone che potranno svolgere contemporaneamente lavori socialmente utili presso il Comune per almeno 10 giorni lavorativi, con un impegno non superiore alle otto ore al giorno.

 

© Riproduzione riservata