Mercoledi 20 settembre 2017 20:11

JWH, arriva dalla Gran Bretagna la nuova droga dello sballo: sequestri anche in Campania

28 febbraio 2016



NAPOLI - "JWH": l'ultima frontiera nel panorama delle droghe sintetiche arriva direttamente dalla Gran Bretagna e, stando ai dati registrati dagli organi impegnati nel contrasto alle narcomafie, sta già impazzando nelle principali città italiane, Napoli compresa. Si tratta di canapa tagliata con un cannabinoide sintetico noto con la sigla Jwh-122, di cui è interdetta produzione e vendita trattandosi di un agente particolarmente pericoloso per la salute.

Questo micidiale mix di sostanze vegetali definite "herbal mixture" è stato inizialmente messo in commercio come un profumatore di ambiente, per poi diffondersi sottobanco quale cannabinoide sintetico, provocando nel solo 2008, anno in cui ha preso piede per la prima volta nel Regno Unito, 25 morti e oltre 700 intossicati. La sostanza, se aspirata, produce un effetto cinque-dieci volte superiore a quello di hashish e marijuana, devastando le cellule cerebrali e provocandone la rapida distruzione. Di rencente anche nei sequestri effettuati dalle forze di polizia in Campania è stata registrata questa nuova pericolosissima sostanza, seguita in ordine di grandezza dalle vecchie droghe, il cui mercato continua ad essere particolarmente florido grazie ad una domanda cresciuta in maniera esponenziale negli ultimi anni.

La conferma arriva dal Laboratorio analisi sostanze stupefacenti dei carabinieri del comando provinciale di Napoli, che certifica un aumento costante del traffico di cocaina in tutta Napoli e provincia, dove la pericolosa polvere bianca può costare dai 15-20 euro fino ai 150 euro per grammo, a seconda della qualità del prodotto, sebbene le analisi mostrino che, in linea generale un grammo di cocaina è composto per il solo 30% da polvere bianca e per il restante 70% da una miscela di sostanze chimiche quali paracetamolo, mannite, caffeina, lidocaina e levalizolo, un farmaco per uso veterinario.

Cresce sfortunatamente anche il consumo di Amnesia, una potente variante della marijuana trattata con gocce di metadone e sostanze chimiche per potenziarne l'effetto psicotropo: i risultati scientifici del Lass oggi rivelano che dietro una boccata di spinello a base di Amnesia non c'è alcun principio attivo di marijuana, ma più semplicemente un composto vegetale essiccato o disidratato sul quale vengono spruzzate poche gocce di metadone o più semplicemente di sonnifero.

© Riproduzione riservata