Mercoledi 13 dicembre 2017 06:08

Odissea sui binari tra Napoli e Benevento, i passeggeri attendono quattro ore

28 febbraio 2017



NAPOLI - Ancora una pagina nera del trasporto su rotaia in Campania. Un treno della ferrovia Napoli-Benevento via Cancello, gestita dall'Eav, si è fermato sui binari a causa di un guasto mentre era diretto verso il capoluogo sannita. Il mezzo, partito da Napoli Centrale alle 17,20, si è fermato pochi minuti dopo aver lasciato la stazione. I tecnici, appurata la natura del danno, hanno comunicato ai passeggeri che il convoglio doveva rientrare in officina per essere riparato. Lì è iniziata l'odissea: i malcapitati utenti sono stati costretti a scendere dal treno, rimanendo per circa 4 ore sui binari ad attendere l'arrivo di una locomotiva che potesse agganciare il convoglio guasto. Gravi ritardi per tutti gli altri treni in transito lungo la tratta.

Le accuse del sindacato

L'Orsa ha diffuso un comunicato, parlando di episodio che «ha avuto un epilogo farsesco da cui tutti hanno compreso come all’Eav siano ancora in costante emergenza, nonostante gli annunci roboanti e le “inaugurazioni” recenti e future». «Questo episodio - prosegue il documento - dovrebbe far riflettere attentamente il governatore della regione Campania, l’on. De Luca, su come, con questi dirigenti che si occupano della manutenzione e dell’esercizio ferroviario nell’Eav e con l’organizzazione che essi si sono creati, potrebbero non bastare tutti i treni che riuscirà a comprare ed a far ristrutturare, per poter far risollevare l’azienda dalla crisi». L'Orsa, che auspica un'inchiesta interna, fa notare che «il guasto di ieri ha avuto come effetto indotto la soppressione di due corse ferroviarie stamattina, sostituite da corse automobilistiche, a riprova che i treni in circolazione sono ancora troppo pochi, e poi dalla pagina ufficiale Facebook dell’azienda, sempre pronta ad autocelebrarsi, nessun messaggio di scuse c’è stato per coloro che ieri hanno vissuto, loro malgrado, l’ennesima odissea nel disservizio Eav».

© Riproduzione riservata