Lunedi 20 novembre 2017 10:37

Crollo della Torre dei Franchi a Napoli, la lettera di una cittadina: «Quanto dobbiamo aspettare perchè si prendano provvedimenti?»

28 giugno 2017



NAPOLI - A seguito del crollo di una porzione della Torre dei Franchi, nel quartiere Soccavo, a Napoli, lo scorso 25 giugno 2017, è timore dei residenti che passi troppo tempo affinchè la torre venga messa in sicurezza.

Come ci scrive una lettrice, Tina: «Lo stato di pericolosità in cui versa la torre risale al terremoto del 1980. Da allora non sono mai stati presi in considerazione provvedimenti a dovere per mettere una volta e per tutte in sicurezza la torre o per demolirla. Dopo l'ultimo crollo sono state sgomberate una decina di famiglie, con a seguito bambini, che non possono rientrare nelle loro case per il rischio di ulteriori crolli che potrebbero procurare danni o mettere a rischio le palazzine limitrofe. La paura è che la situazione rimanga così chissà per quanto tempo ancora o che vada a finire nel dimenticatoio».

Timore lecito visto che per procedere con l'abbattimento della torre o con il completo restauro occorre mettersi in contatto con i proprietari ufficiali della struttura, cosa che finora non è stata possibile non essendo stati identificati.

Sulla questione si è espresso anche il presidente della nona municipalità, Lorenzo Giannalavigna, che ha palesato lo stesso problema trattandosi non di edifici comunali ma privati.

© Riproduzione riservata