Mercoledi 20 settembre 2017 05:55

Sconto di condanna a De Santis, la mamma di Ciro Esposito: «E’ stata fatta ingiustizia ed è stata nascosta la verità»

28 giugno 2017



NAPOLI - E' forte la rabbia di Antonella Leardi, la mamma di Ciro Esposito, per il verdetto d'appello che ha visto la riduzione della condanna a Daniele De Santis da 26 a 16 anni.

Articoli correlati

Processo Ciro Esposito, ridotta la condanna a De Santis

Parole dure le sue ai microfoni di Radio Kiss Kiss: «Cercavamo giustizia e verità: è stata fatta ingiustizia ed è stata nascosta la verità. Mi chiedo perché la legge, lo Stato, protegge questo assassino che avrebbe meritato l'ergastolo e che invece l'altro giorno a Roma era seduto accanto al suo avvocato e rideva. Ciro è stato ucciso per la seconda volta perché tre anni fa era stato ucciso dall'inerzia dello Stato. Perché avrebbero protetto De Santis? E' un estremista di destra ed è stato guardaspalle di tanti personaggi di destra. Come ha potuto avere un consulente come il generale Garofano, l'ex comandante dei Ris? Io non avrei potuto permettermi una spesa simile e infatti i miei legali mi sostengono gratuitamente. Faccio un pensiero negativo e adesso ho una sola certezza, che è quella di Dio: la sua è l'unica giustizia. Continuerò a battermi contro la violenza con maggiore forza di prima affinché quello che accadde il 3 maggio 2014 non si verifichi mai più. Devono esserci amore, pace e dignità nel nome di Ciro. Non accetterei mai una richiesta di perdono da parte di De Santis: avrebbe dovuto chiederlo tre anni fa».

© Riproduzione riservata