Venerdi 18 agosto 2017 11:02

Posillipo, 16enne aggredito e massacrato. Fermato il fratello della fidanzata
I carabinieri hanno fermato un giovane di 20 anni per il pestaggio che ha ridotto in fin di vita un 15enne a Posillipo. E' il fratello della fidanzata.

28 novembre 2016



NAPOLI - Un giovane di 20 anni è stato fermato dai carabinieri in seguito al pestaggio di un 16enne, avvenuto nella notte tra sabato e domenica a Posillipo. Secondo alcune ricostruzioni, non confermate, avrebbe ridotto in fin di vita il fidanzato della sorella per motivi di gelosia. I militari lo hanno sottoposto ad alcol-test e narco-test. In giornata si attende la convalida del fermo del giovane, accusato di tentativo di omicidio, da parte del pm.

La dinamica

Sabato sera i due fidanzatini e una coppietta di amici sono andati a Pozzuoli, dopo aver lasciato il motorino parcheggiato in via Posillipo. Al ritorno, mentre il 16enne stava prendendo il motorino per tornare a casa, si è scatenata la follia. Il fratello della sua fidanzata ha aggredito violentemente sia lui sia il suo amico. I due hanno trovato rifugio nella casa di quest'ultimo. A quel punto i genitori hanno avvertito i familiari del 16enne che è stato trasportato in ospedale.

«Mio figlio poteva morire»

«Mio figlio ha rischiato di morire e non possiamo ancora considerarlo fuori pericolo - spiega la mamma del 16enne a Il Mattino -. Non riesco a raccontare la sofferenza e l'angoscia vissute in queste ore ma quello che chiedo è che il responsabile venga punito in maniera esemplare». Il ragazzo è stato operato d'urgenza all'ospedale Fatebenefratelli di via Manzoni, subito dopo il ricovero. L'intervento è andato bene ma i medici, purtroppo, sono stati costretti ad asportargli la milza. La giornata di ieri ha visto un pellegrinaggio continuo di amici e familiari del giovane presso l'ospedale posillipino. La speranza è che possa tornare al più presto tra i banchi del "Mario Pagano".

© Riproduzione riservata