Martedi 21 novembre 2017 03:25

Napoli. Vittima innocente di un agguato si costituisce parte civile

29 marzo 2017



NAPOLI - Quando è iniziato il processo i presunti killer non si aspettavano di trovarsi contro anche lui. Invece un giovane, colpito durante l'agguato contro Pietro Esposito, ha deciso di costituirsi parte civile. Lavorava in un pub ed era uscito a gettare la spazzatura quando si trovò - suo malgrado - ad incrociare le linee di fuoco. Era il novembre del 2015 e lui, con quell'agguato, non c'entrava niente. Fu colpito solo di striscio dai sicari del clan Lo Russo e, fortunatamente, se la cavò con danni fisici curabili. Ieri, a distanza di due anni, è entrato in aula, compiendo un gesto più unico che raro. Dopo essere stato ascoltato, riferisce Il Mattino, ha dichiarato di volersi costituire parte civile. La richiesta è stata accolta dal giudice Alfano. Così lui, unico testimone del processo, potrebbe ricevere una somma che lo ristori del danno subito. E sarebbe un caso storico, con la camorra chiamata a risarcire un innocente trovatosi al posto sbagliato al momento sbagliato.

© Riproduzione riservata