Lunedi 20 novembre 2017 03:06

Delitto coniugi Giugliano: due i complici del fioraio. Si cerca la pistola




NAPOLI - Si cerca di chiudere il cerchio circa il duplice omicidio dei coniugi di Melito, il tassista Luigi Simeone e la moglie Immacolata Assisi, uccisi nei pressi dell'ex cava in località Monticelli di via Ripuaria a Giugliano dove sono stati trovati i corpi e per il cui delitto al momento ne risponde Antonio Riano, fioraio di 27 anni di Pianura. Diversi esami si effettuano sull'unico indagato che vanno dal test del dna, ai rilevamenti balistici e ai controlli sull'auto sequestrata, una Renault Scenic Xmode, a bordo della quale sono state trovate tracce ematiche e una serie di impronte sovrapposte alle macchie di sangue riferibili ad almeno altre due persone da identificare. Una nuova pista quindi si è aperta per gli investigatori: il Riano, che stava in trattativa con la coppia per l'acquisto della loro abitazione, avrebbe dei complici. Intanto in giornata sarà dragata l'ex discarica nella speranza di trovare l'arma del delitto, una pistola calibro 7.65. © Riproduzione riservata