Sabato 23 settembre 2017 09:28

Pompei, sequestrato l’eliporto da dove decollò l’aereo usato al funerale del boss Casamonica




POMPEI - È finito nel mirino della magistratura l'eliporto di Pompei dal quale decollò l'ormai celebre elicottero che nell'agosto 2015 sorvolò il cielo di Roma durante il discusso funerale del boss capitolino Vittorio Casamonica, capo dell'omonimo clan malavitoso attivo nella zona sud della Capitale. Ieri pomeriggio gli agenti della polizia municipale di Pompei hanno sottoposto a sequestro l'intera area in cui è situata la struttura, contestando ai titolari del terreno agricolo il reato di abusivismo: l'area in cui è stato realizzato l'eliporto non avrebbe infatti le dovute autorizzazioni del Comune per il cambio di destinazione d'uso. Le operazioni degli agenti municipali, disposte con provvedimento del 1 settembre dal super prefetto Donato Cafagna, sono procedute per tutto il pomeriggio con il coordinamento del comandante Gaetano Petrocelli. Lo stesso eliporto era stato utilizzato lo scorso 19 settempre per il decollo dell'elicottero noleggiato dal nipote del boss di Nicotera nel giorno del suo faraonico matrimonio, una vicenda che ha suscitato grande scalpore e l'immediata apertura di un'inchiesta da parte della Procura di Vibo Valentia.