Domenica 20 agosto 2017 00:31

Casal di Principe: villa confiscata alla camorra diventa un centro sportivo e riabilitativo

30 gennaio 2017



CASAL DI PRINCIPE (CE) - Diventerà entro due mesi un centro sportivo e riabilitativo gestito dall'Asl di Caserta per ragazzi affetti da disagio mentale la villa in stile "Scarface" edificata da Walter Schiavone, fratello del capoclan dei Casalesi Francesco Sandokan Schiavone. La cerimonia per la fine dei lavori di riqualificazione si è svolta stamane  a Casal di Principe, in provincia di Caserta, che vede la villa diventare bene del Comune dopo la confisca e l'acquisizione.

Le opere sono state finanziate per 1,3 milioni di euro dalla Regione Campania e sono state realizzate grazie ad un accordo di programma che Agrorinasce, consorzio comunale che gestisce 160 beni confiscati nel Casertano, ha firmato con la Seconda Università degli Studi di Napoli (oggi "Università della Campania Luigi Vanvitelli"), che ha realizzato il progetto di riqualificazione, il Comune di Casal di Principe, la prefettura di Caserta e l'Asl.

Hanno partecipato numerosi magistrati, tra cui il pProcuratore nazionale antimafia, Franco Roberti

© Riproduzione riservata