Venerdi 24 novembre 2017 06:44

«Non sono stato io a ucciderla»: l’uomo accusato della morte di Fortuna Loffredo respinge le accuse




NAPOLI - E' iniziato questa mattina l'interrogatorio di Raimondo Caputo, l'uomo accusato dell'omicidio della piccola Fortuna Loffredo avvenuto nel parco Verde di Caivano il 24 giugno del 2014. Secondo quanto si apprende dall'edizione online de Il Mattino, il presunto assassino si sarebbe difeso davanti al gip professando la sua completa estraneità ai fatti. «Non sono stato io a uccidere Fortuna, non ero lì quando è caduta, e non ho mai commesso abusi sessuali»: queste le parole con le quali l'imputato, che al momento dell'arresto si trovava già in carcere per violenza sui figli della compagna, ha di fatto respinto ogni accusa nel corso dell'interrogatorio che ha avuto luogo all'interno del carcere di Poggioreale. © Riproduzione riservata