Piscine gonfiabili e sdraio davanti al Tribunale di Napoli, la protesta dei lavoratori del Magic World




NAPOLI - Giochi d'acqua, cori e coreografie stamane davanti al palazzo di giustizia di Napoli. Questa la singolare protesta attuata da animatori e lavoratori del parco acquatico Magic World di Licola (Giugliano) che, armati di piscine gonfiabili e sdraio, si sono piazzati sotto la sede del Tribunale di Napoli chiedendo al curatore fallimentare di riaprire la struttura per salvaguardare i posti di lavoro. Il parco acquatico, dopo il fallimento della società "Magic World Spa" e a seguito del quale la curatela fallimentare aveva messo in liquidazione la società per un maxi debito nei confronti del fisco di quasi 18 milioni di euro, è rimasto aperto solo per i mesi estivi del 2014 e del 2015. Poi, dal 31 ottobre scorso, porte chiuse e piscine a secco, così come lo sarà per l'intera stagione estiva del 2016. «Bisogna che si faccia di tutto per aprire il parco anche quest'anno - ha dichiarato il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli presente alla manifestazione - anche nell'interesse dello stesso Tribunale che per garantire la vigilanza all'area sta comunque spendendo migliaia di euro». © Riproduzione riservata