Giovedi 23 novembre 2017 03:00

Roghi nella Terra dei fuochi, De Luca annuncia: «Entro l’estate saranno attivi i droni»
Nella lotta ai i roghi tossici saranno costituiti anche quattro centri interforze dove si concentreremo nuclei di varie forze dell'ordine che avranno il compito di controllare il territorio

31 maggio 2017



GIUGLIANO IN CAMPANIA (NA) - «Entro l'estate partiremo con la messa in funzione dei droni per contrastare il fenomeno dei roghi tossici nella terra dei fuochi». È quanto ha annunciato il presidente della giunta regionale della Campania, Vincenzo De Luca, parlando con i giornalisti a margine della presentazione del registro dei tumori dell'Asl Napoli 2 nord, a Giugliano, in provincia di Napoli.

«Credo che sia di questa mattina - ha proseguito De Luca - la comunicazione sul capitolato d'appalto per acquistare droni per 2 milioni di euro. È una cosa che abbiamo impostato sei-sette mesi fa. La gara la faranno le forze dell'ordine».

Ma non solo, De Luca ha anche annunciato che per contrastare i roghi tossici saranno costituiti anche quattro centri interforze. Uno di questi avrà sede a Giugliano e gli altri tre centri a Somma Vesuviana, Maddaloni e Marcianise, nel Casertano. «In questi centri concentreremo nuclei di varie forze dell'ordine - ha spiegato De Luca - che avranno appunto il compito di controllare il territorio. Stiamo partendo con un lavoro di controllo sul territorio e un controllo sanitario di altissimo livello».

Quanto alla rimozione delle ecoballe, ha comunicato ai giornalisti «c'è stato un piccolo ritardo ma il programma va avanti. Consegniamo gli altri lotti della seconda gara che abbiamo fatto - ha concluso De Luca - quindi altri 500mila tonnellate e stiamo cercando con fatica tutti gli sbocchi possibili».

© Riproduzione riservata