Giovedi 17 agosto 2017 15:30

Ercolano capitale italiana della cultura, l’appoggio di Cantone «Non è solo terra di camorra»




ERCOLANO (NA) - Arriva il sostegno del presidente dell'Anticorruzione, Raffaele Cantone, perchè Ercolano diventi capitale italiana della cultura per l'anno 2016 e 2017. Per il capo dell'Authority la scelta di Ercolano va ben oltre il rilancio della stessa città trattandosi di riscatto per l'intero territorio. Così in una lettera al sindaco Ciro Buonajuto scrive «È una grande sfida per dimostrare che questa non è solo terra di disagio o, peggio ancora, di camorra, ma luogo di occasioni che aspettano di essere colte iniettando una giusta dose di entusiasmo e di vitalità non disgiunta da un rigoroso rispetto delle regole e della legalità. Il mio augurio è riuscire a dimostrare che c’è qualcosa di diverso nelle nostre terre rispetto ai soliti, triti e quasi sempre oleografici pregiudizi». Ricordiamo che a correre per il titolo di città "capitale italiana della cultura" insieme ad Ercolano ci sono anche Aquileia, Como, Mantova, Parma, Pisa, Pistoia, Spoleto, Taranto e Terni. Entro il 15 settembre va presentata la documentazione definitiva per la scelta della capitale italiana del 2016 (il nome si conoscerà entro il 30 ottobre) e della capitale italiana del 2017 (entro il 15 dicembre). Di queste due saranno le città vincitrici alle quali verrà assegnato un contributo da un milione di euro e l’esclusione delle risorse investite nella realizzazione del progetto dal vincolo del patto di stabilità. © Riproduzione riservata