Martedi 12 dicembre 2017 07:29

Paestum, la Tomba del Tuffatore fa ritorno a casa. Mancava dal 2015




PAESTUM (SA) - Ha fatto ritorno a casa, a Paestum da dove manca dal luglio 2015 quando fu esposta a Milano per l'Expo, la lastra di copertura della Tomba del Tuffatore, uno dei capolavori della pittura antica. Grazie ad una sinergia tra pubblico e privato il prezioso manufatto dal 4 ottobre 2016 è esposto nella sala "Mario Napoli" del museo di Paestum, che è stata completamente restaurata grazie a una donazione di 25mila euro da parte di Antonio Palmieri della Tenuta Vannulo.

Accanto a quella del Tuffatore, reperto davvero singolare risalente al 480 a.C., è stata esposta anche la "tomba delle palmette", scoperta tempo fa ma che è ancora oggetto di studi.

La nuova collocazione della Tomba del Tuffatore è stata presentata alla stampa dal direttore del museo di Paestum, Gabriel Zuchtriegel che si è detto emozionato: «Questo restauro esprime la nostra filosofia che ci guiderà per i prossimi anni - ha spiegato - Niente interventi megalomani ma riqualificazione del ricchissimo patrimonio archeologico, architettonico ed artistico che abbiamo». «Si tratta di un rinvenimento che getta nuova luce sulla Tomba del Tuffatore - ha concluso - e che cambierà la storia dell'arte pestana e oltre. Quando l'ho vista in deposito ho fatto un salto».

© Riproduzione riservata