Lunedi 23 ottobre 2017 00:58

Erma di Socrate, in prestito dal Mann alla Corte di Giustizia dell’UE

08 febbraio 2017



Da Napoli a Lussemburgo: l'Erma di Socrate del Museo ​a​rcheologico ​n​azionale di Napoli sarà la prima opera d'arte italiana ad essere esposta nel Palazzo della Corte di Giustizia dell’Unione Europea del Lussemburgo, che custodisce nella sua collezione permanente numerosi capolavori provenienti da tutto il continente.

«Riteniamo questo prestito altamente significativo - spiega il direttore del Museo, Paolo Giulierini, che accompagnerà l'opera in Lussemburgo - l'Erma di Socrate dialogherà simbolicamente con i 28 Stati membri dell'​Unione Europea​ rappresentati dai giudici e dai funzionari che popolano il palazzo insieme alle migliaia di persone che vi si recano. L'Italia non aveva mai prestato un’opera e ci siamo con piacere attivati individuando ​l​'Erma di Socrate, un capolavoro della collezione Farnese, proprio per il suo riferimento alla funzione giudiziaria che appare nella celebre iscrizione​».

Il prestito durerà 18 mesi e fa parte del progetto "Obvia"(Out of boundaries viral art dissemination), volto a diffondere l'immagine del Mann in tutto il mondo. Giovedì 9 febbraio ​alle ore 17.30 l​'Erma di Socrate sarà accolta nel palazzo lussemburghese con una cerimonia ufficiale presieduta dal ​giudice italiano Antonio Tizzano, vice presidente della Corte, che ha dichiarato: «Finalmente possiamo ospitare qui a Lussemburgo, dopo una lunga attesa, questa importante opera del Museo della mia città​. Spero​ - aggiunge Tizzano -​ che la cerimonia del 9 febbraio apra la via ad una fruttuosa collaborazione, che potrà continuare con altri prestiti o nelle forme volta a volta più appropriate, perché un po’ d’Italia, e soprattutto un po’ di Napoli, possano essere presenti in quella che da oltre 60 anni è la culla giudiziaria dell’Europa».

© Riproduzione riservata