Domenica 22 ottobre 2017 21:06

“Dalle caverne della terra”, la visita guidata alla scoperta dell’Oasi di Monte Nuovo




Io quando guardo una montagna, aspetto sempre che si converta in vulcano." Con queste parole, Italo Svevo racconta lo stupore e il fascino che da sempre viene suscitato negli uomini dai fenomeni e dai territori vulcanici. La Campania è uno dei territori italiani maggiormente esposto ad attività vulcanica; ne è dimostrazione Monte Nuovo, un cono piroclastico così chiamato perché nato con l’ultima eruzione dei Campi Flegrei tra il 29 settembre ed il 6 ottobre del 1538. Verso est le pendici del Monte Nuovo toccano le coste del Lago d’Averno famoso nell’antichità come porta degli inferi perché le esalazioni gassose uccidevano gli sfortunati avventori. Locus Iste ci porta alla scoperta di quei territori per rivivere, attraverso un testimone oculare, questo cruciale momento di trasformazione del luogo. Il percorso partirà dall’ingresso dell’Oasi Naturalistica, giungerà sul cratere per poi scendere sul Lago d’Averno. Si intersecheranno storia, natura, mitologia e leggende in uno degli ambienti naturali tra i più suggestivi della provincia di Napoli. Il percorso terminerà con la visita alle “Cantine dell’Averno” di Emilio Mirabella. Chi vorrà, poi, potrà fermarsi presso il vigneto per pranzare.

domenica 12 aprile ore 10.15   Durata:  120 min.
Gruppo: max 30 pax
Equipaggiamento: scarpe comode e cappello
Appuntamento ore 10.15 all’ingresso dell’Oasi
Contributo organizzativo: 6 euro +
* Opzione Pranzo: comprendente antipasto, primo, secondo
ed una bottiglia di vino DOC ogni 3 persone. Costo: € 15,00    Guide: Barbara e Giovanni
Prenotazione obbligatoria
Info e prenotazioni:
Tel.  3472374210  Email:  locusisteinfo@gmail.com  Facebook: https://www.facebook.com/locusistesob
Consigli per la visita: E’ sconsigliata la visita a chi soffre di asma  e a chi è allergico alla processionaria del pino e a chi soffre di vertigini.  I cani possono accedere solo se al guinzaglio. Portare un cappello se la giornata è calda e indossare scarpe comode.

© Riproduzione riservata