Sette Stagioni dello Spirito, la mostra di Tosatti al Madre

15 dicembre 2016

È stata inaugurata questa mattina in conferenza stampa al museo Madre la meravigliosa mostra di Gian Maria Tosatti dal titolo Sette Stagioni dello Spirito e sarà aperta al pubblico da domani, 16 dicembre alle ore 19:00.

La mostra si inserisce in un contesto particolare del museo Madre in cui troviamo già l'intellettualità, la mente, la ricerca e la razionalità di Fabio Mauri, alle quali si aggiungono in contrasto la ricerca interiore, la spiritualità e l'interiorità dell'essere umano proposto da Gian Maria Tosatti. Due artisti italiani che ci propongo un cammino tra corpo e spirito, tra mente e anima. Un lavoro che è durato 3 anni, durante i quali l'artista ha dedicato anima e corpo al progetto e all'intera città. Napoli viene vista come un doppio in cui le forme interiori dell'essere umano si articolano e diventano materia concreta. L'intera città diventa quindi palcoscenico da cui trarre la propria opera, un viaggio non solo geografico, ma anche temporale per realizzare l'imponente progetto Sette Stagioni dello Spirito. Ispirandosi al libro di Santa Teresa d'Avilla in cui l'anima viene suddivisa in sette stanze, Tosatti divide l'anima di Napoli e dei napoletani in 7 aree tematiche, ordinati secondo un preciso filo conduttore, così come i capitoli di un racconto. Non solo dunque disegni e fotografie, la mostra prende vita componendosi anche di oggetti concreti presi dal loro luogo di origine e riposizionati nelle stanze del Madre, accompagnati da didascalie che sono in realtà parte stessa dell'opera, raccontando la storia che il visitatore sta intraprendendo.

I sette interventi hanno permesso la riapertura di alcuni edifici storici abbandonati , che hanno così ripreso vita dopo l'intervento dell'artista. Ad ognuno di questi interventi è stato dato un nome che dal male più profondo, tende a salite raggiungendo il bene supremo e la conoscenza assoluta:

1_La peste
Chiesa dei SS. Cosma e Damiano ai Banchi Nuovi, ha affrontato il tema dell'inconsapevolezza come la più grave malattia dello spirito.

2_Estate
Ex Anagrafe Comunale in Piazza Dante, si è focalizzato sul principio dell'inerzia quale principale causa della dissoluzione.

3_Lucifero
Ex Magazzini Generali del Porto di Napoli, ha indagato la complessità legata al concetto di errore.

4_Ritorno a casa
Ex Ospedale militare, si è concentrato sul tema della salvezza.

5_I fondamenti della luce
Ex Convento Santa Maria della Fede, ha indagato il concetto di ricerca della verità.

6_Miracolo
Ex fabbrica nel quartiere di Forcella, ha istituito una vera e propria pratica del bene

7_Terra dell'ultimo cielo
Convento della Santissima Trinità delle Monache, ha suggerito una possibile suggestione del destino finale dell'uomo.

La mostra resterà esposta al Madre fino al 20 marzo 2017, dal lunedì al sabato dalle 10:00 alle 19:30 e la domenica dalle 10:00 alle 20:00. Chiuso il martedì.

© Riproduzione riservata