Giovedi 23 novembre 2017 14:08

Pompei, riapre al pubblico la Domus dei mosaici
Nel mese di dicembre altre quattro riaperture, luminarie natalizie e l'inaugurazione del percorso per disabili.

16 novembre 2016



POMPEI- Il sito archeologico dei record (3mln di visitatori) apre al turismo mondiale la sua Casa più grande, praticamente mai vista, la Domus dei Mosaici: 3000 metri quadri, 60 stanze, un'affacciata mozzafiato sul golfo di Stabia nonostante la centralissima posizione urbana. Il nome della struttura si deve alla notevole quantità di mosaici conservati, sia monocromi bianchi sia a decoro geometrico bianco su fondo nero o nero su fondo bianco.

A rendere ancora più affascinante gli scavi di Pompei, a partire dal 3 dicembre, ci saranno vere e proprie luminarie natalizie. Il prossimo 2 dicembre il ministro di Beni Culturali e Turismo, Dario Franceschini, inaugurarerà "Pompei per tutti", ovvero la rete di percorsi nel sito archeologico accessibili ai diversamente abili. Si tratta di percorsi che rendono accessibili gli Scavi anche a famiglie con passeggini per bambini o ad anziani con una deambulazione un pò incerta. Ma le novità non sono terminate. Il 7 dicembre, saranno aperte al pubblico la Casa di Marco Lucrezio Frontone e la Casa di Obellio Firmo (Regiones V e IX). Il 16 dicembre sarà inaugurata la mostra allestita nell’Antiquarium degli Scavi, denominata “Il corpo del reato”, in cui saranno esposti i reperti archeologici recuperati dai numerosi furti ai danni dell’antica Pompei, che è patrimonio dell’umanità. Sarà inoltre aperta al pubblico la “Casa dell’Orso ferito”. Il 23 dicembre, ancora un' inaugurazione, l’ultima del 2016: si tratta della Casa di Sirico.  Finalmente tutta Pompei sarà interamente percorribile.

 

© Riproduzione riservata