Giovedi 17 agosto 2017 15:33

Pompei, a rischio Villa dei Misteri per vecchi restauri e vibrazioni per il passaggio della Circumvesuviana




POMPEI (NA) - I vecchi restauri, ma anche le vibrazioni provocate dal passaggio dei treni della Circumvesuviana tra i nemici della sontuosa Villa dei Misteri, la più bella dimora patrizia del sito archeologico di Pompei che sorge proprio nei pressi della stazione ferroviaria omonima. A lanciare l'allarme sono i ricercatori dell'Enea (Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile) che hanno analizzato rischi e criticità nelle vecchie coperture della Villa dei Misteri, uno dei luoghi simbolo di Pompei, attraverso un check-up approfondito che si è avvalso dell'aiuto di tecnologie d'avanguardia. Gli esiti della nuova campagna di monitoraggio sulle strutture in cemento armato, legno e acciaio, costruite per lo più 50 anni fa a protezione della domus romana, sono impressionanti: emergono criticità legate alla pesantezza dei materiali utilizzati, infiltrazioni d'acqua e vibrazioni ambientali, cause sismicità e vicinanza con la ferrovia. Un primo allarme era già scattato quattro anni fa, con la caduta di una grossa trave in legno dalla copertura del peristilio, il cortile interno della domus circondato da un portico a colonne. Un episodio che, fortunatamente, non ebbe conseguenze sull'edificio storico e sui visitatori, ma che costrinse la Soprintendenza a chiudere al pubblico molti ambienti. «In questa nostra campagna di indagine, che ha l'obiettivo di acquisire i dati necessari per definire gli interventi di messa in sicurezza - spiega Bruno Carpani responsabile scientifico della campagna diagnostica - abbiamo messo in campo un numero maggiore di strumenti d'indagine rispetto al 2013, quando eravamo intervenuti in seguito al crollo della trave del peristilio. Finora abbiamo constatato uno stato di degrado avanzato delle zone di appoggio di molte travi del peristilio, mentre risultano particolarmente vulnerabili all'azione sismica le strutture in calcestruzzo di alcuni ambienti, come i vani del quartiere rustico». Villa dei Misteri, d'altro canto, non è un caso isolato, come fa sapere l'Enea. Nelle aree di Pompei, Ercolano, Stabia e Boscoreale ci sono almeno una decina di domus con coperture in cemento armato risalenti agli anni '60-'70 del '900. «Il problema della sicurezza e della conservazione di queste strutture nelle aree archeologiche è vastissimo sia in Italia che nel mondo - aggiunge Carpani - Solo nel nostro Paese ne sono state censite oltre 200 in 130 siti. Con il lavoro che stiamo svolgendo a Villa dei Misteri puntiamo a realizzare il primo modello di monitoraggio e diagnosi che potrà essere applicato ad altre domus con tipologie simili di copertura». «A Villa dei Misteri l'equipe Enea ha eseguito anche i rilievi delle vibrazioni ambientali con sismometri ad elevata sensibilità. Abbiamo messo a punto - continua Paolo Clemente, dirigente di ricerca Enea - una sofisticata modellazione matematica che ci ha permetterà di valutare la vulnerabilità di questo luogo sottoposto a continue vibrazioni per la vicinanza alla linea ferroviaria e la sismicità di quest'area». © Riproduzione riservata