Giovedi 23 novembre 2017 10:26

Franceschini su Ercolano e Campi Flegrei «saranno musei autonomi»




ROMA - «Gli scavi di Ercolano e il parco archeologico dei Campi flegrei diventano musei autonomi» lo ha annunciato il ministro dei Beni Culturali, Dario Franceschini, nel corso dell'audizione in Commissioni congiunte Settima del Senato e Settima Camera. «I 10 musei che avranno autonomia sono il museo Nazionale romano, il parco archeologico di Ostia antica, quello di Ercolano - spiega il ministro - c’è un’operazione nuova che ritengo importante sui parchi Flegrei, il museo nazionale Etrusco, Villa Adriana e Villa D’Este, due siti patrimonio Unesco a Tivoli, il parco archeologico dell’Appia antica, che gestirà la parte che fa riferimento a Roma ma che avrà anche un compito di coordinamento su cui lavoriamo nella ricomposizione complessiva del percorso. Facciamo un’operazione che si chiamerà Museo della Civiltà che mette insieme all’Eur 3 musei, il nazionale Pigorini, quello dell’Alto Medioevo e quello delle Arti e tradizioni popolari, noto in questi giorni per le tristi vicende di assenteismo. Questo progetto ha potenzialità di allargamento». Finalmente Ercolano, sempre all'ombra di Pompei, avrà la sua opportunità di valorizzare ulteriormente il suo patrimonio. Basti pensare che la seconda città sepolta dal Vesuvio in termini di visite nel 2015 ha registrato circa 300mila visitatori contro i quasi 2 milioni di Pompei. Autonomia anche per il parco archeologico dei Campi Flegrei, che unisce i siti delle terme di Baia, del museo archeologico del Castello di Baia, l'area archeologica di Pozzuoli e il parco archeologico di Cuma. Con Ercolano e i Campi Flegrei salgono a sei i musei autonomi in Campania. Tra questi il museo di Capodimonte, il museo archeologico nazionale di Napoli, la Reggia di Caserta e il parco archeologico di Paestum. © Riproduzione riservata