Mercoledi 20 settembre 2017 20:19

Dopo il caffè al museo Madre di Napoli arriva il “biglietto sospeso”




NAPOLI - Dopo il caffè sospeso, antica tradizione napoletana che consente di bere un espresso al bar grazie alla generosità di qualcun altro, arriva anche il "biglietto sospeso": è la proposta del museo d'arte contemporanea di Napoli, il Madre. A partire dal giovedì santo, 24 marzo e fino al 31 dicembre 2016, chiunque potrà lasciar pagato un biglietto per un successivo visitatore sconosciuto, al momento di comprare il proprio o al termine della visita. «Come il caffè sospeso, anche il biglietto sospeso si propone come qualcosa di più di un biglietto offerto: procura e rafforza un senso di appartenenza - si spiega dal Madre - sottolinea l'importanza dell'arte nella vita di ognuno di noi e incoraggia, infine, gesti semplici e quotidiani di gentilezza reciproca». La fondazione Donnaregina per le arti contemporanee sarà la prima a concorrere all’iniziativa avendo lasciato a disposizione, di chiunque voglia usufruirne, ben 10 "biglietti sospesi" al giorno dal giovedì santo al giorno di Pasqua, domenica, 27 marzo 2016. Inoltre, nello stesso periodo, la stessa fondazione contribuirà al 50% all’acquisto del "biglietto sospeso", che dunque costerà ai visitatori che vorranno aderire solo 3,50 euro (rispetto al prezzo pieno di 7,00 euro). Lunedì in albis, 28 marzo 2016, invece, come ogni lunedì dell’anno, l’ingresso al museo sarà gratuito per tutti. © Riproduzione riservata