Lunedi 25 settembre 2017 20:46

Hic sunt Dracones, la mostra di Bertellotti a Castel dell’Ovo




Sarà inaugurata venerdì 29 luglio alle ore 17.30 la mostra di Nicola Bertellotti dal titolo Hic sunt Dracones, locuzione latina usata sulle mappe antiche in corrispondenza delle zone inesplorate dell'Asia e dell'Africa. Una ricerca condotta dall'artista sui luoghi abbandonati dislocati in giro per il mondo che, grazie al potere della natura, riprendono vita trasformandosi. Ogni scatto intende proporre un racconto alternativo in grado di sovvertire la realtà e dare un nuovo punto di vista. Moderne rovine diventano simbolo di un passato prossimo dimenticato e che si pone ai confini della nostra società. «Nicola Bertellotti - scrive Pier Luigi Pinelli, docente di Letteratura francese all'Università di Genova - celebra una spazialità affettiva, che, basandosi sul ricordo, è popolata da rovine: l’eco irreale dei passi nelle stanze vuote, la penombra e la tela del ragno, che evoca la precarietà dell’esistenza. [...] L’obiettivo cattura immagini di un passato attraverso la memoria della propria esperienza, con un rimando alla Recherche du temps perdu. Gli oggetti desueti e i luoghi ritratti dal fotografo rivestono, infatti, la stessa funzione che ricopre in Proust la madeleine, quella di evocare il ricordo di un’età felice.» La mostra sarà aperta dal 29 luglio al 16 agosto, dal lunedì al sabato dalle ore 11 alle ore 18 domenica dalle ore 10 alle ore 14. © Riproduzione Riservata