Mercoledi 20 settembre 2017 16:47

Successo per la puntata di “Ulisse” dedicata alle meraviglie di Napoli
Uno spettacolare viaggio tra le bellezze di Napoli, condotto da un Alberto Angela quanto mai in forma. La puntata è già visibile su Rai Play.

28 novembre 2016



Grande risultato in termini di ascolto per la puntata di "Ulisse" dedicata a Napoli. L'approfondimento culturale di Rai 3, condotto da Alberto Angela, è stato seguito da 2.339.000 spettatori con il 10,52% di share. La puntata (già visibile su Rai Play a questo indirizzo) ha mostrato, nelle due ore di trasmissione, tanti aspetti legati alla storia e alle curiosità legate a Napoli, variando tra storia, presente e futuro.

Un viaggio tra presente e futuro

Il viaggio di Alberto Angela ha inizio nella metropolitana, tra le più belle del mondo per le tante stazioni curate da artisti internazionali. «Un mondo sotterraneo - si legge sul sito della trasmissione - dove sembra di vivere in una città modernissima, nata dal nulla». Dal presente al passato con la magia e il mistero di Cappella Sansevero, con la famosa statua del Cristo Velato, dove grazie all’abilità dello scultore il marmo diventa merletto, e con le tante leggende che circondano la figura del committente, il principe di Sansevero.

Napoli e i suoi luoghi dell'anima

La trasmissione prosegue con il fascino dei saloni di Palazzo Reale e le ambientazioni del Tunnel borbonico, una struttura di sette piani costruita in parte in un’enorme cavità sotterranea. Una volta, decenni fa, era un deposito giudiziario, prima era stato un rifugio contro i bombardamenti, ma prima ancora un tunnel che consentiva una via di fuga ai regnanti. E risalendo nel tempo, una cava di tufo e un acquedotto antico. Alberto Angela ha poi mostrato le bellezze della Certosa di San Martino e il fascino unico del cimitero delle Fontanelle, prima di raggiungere la straordinaria Farmacia degli incurabili. Non è mancata una capatina a Posillipo per mostrare a tutti l'ambientazione delle terme della splendida villa Pausilypon.

© Riproduzione riservata