Martedi 24 ottobre 2017 02:27

Il comitato Unesco giovani fa tappa a Napoli, a gennaio in città 300 delegati

30 dicembre 2016



NAPOLI - Il 13, 14 e 15 gennaio 2017 il comitato Giovani della Commissione Nazionale Italiana per l'Unesco (Unesco Giovani), si dà appuntamento a Napoli per la seconda Assemblea nazionale.

L'iniziativa, patrocinata dal Comune di Napoli e dall'ordine degli Ingegneri di Napoli, rappresenta il momento di confronto più importante tra i giovani italiani sulle grandi tematiche dell'Unesco.

Oltre 300 delegati tra i 20 e i 35 anni, rappresentanti di tutte le regioni d'Italia incontreranno alcuni dei più alti rappresentanti delle istituzioni nazionali ed internazionali, personalità di rilievo del mondo della cultura, dell'imprenditoria e del no-profit.

Obiettivo principale della manifestazione, il lancio in Italia della campagna internazionale promossa dall'Unesco a Parigi: #Unite4Heritage (uniti per il patrimonio culturale) è il motto con il quale si è dato vita ad un movimento globale impegnato nella salvaguardia e nella promozione del patrimonio cultuale e della diversità, anche attraverso l'utilizzo consapevole tra i giovani dei social network.

«A Napoli - ha spiegato Paolo Petrocelli, presidente di Unesco giovani - presenteremo un bilancio decisamente positivo del nostro primo anno di attività e fisseremo nuovi ambiziosi obiettivi per il 2017. In collaborazione con le principali istituzioni locali e nazionali, abbiamo realizzato nel 2016 oltre 100 iniziative su tutto il territorio, portando il nostro Comitato all'interno di scuole, accademie, università, musei, teatri».

Ma non solo, «da Napoli, assieme ad oltre 300 delegati provenienti da tutte le regioni d'Italia - ha aggiunto Petrocelli - lanceremo un importante piano annuale di valorizzazione e promozione tra i giovani dello straordinario patrimonio culturale italiano. Il nostro comitato guarda al futuro con un grande senso di responsabilità e speranza. Siamo pronti a fare la nostra parte, al fianco della commissione nazionale italiana per l'Unesco».

© Riproduzione riservata