Martedi 22 agosto 2017 13:19

Truffa a Ue da 4 milioni di euro: rivenduti cibi destinati ai poveri. Frode anche in Campania




Uno schiaffo a 4,1 milioni di poveri che in Italia hanno bisogno di aiuto per alimentarsi e tra i quali ci sono anche oltre 400mila bambini con meno di 5 anni. E' quanto afferma la Coldiretti nel commentare positivamente l'operazione dei Nas che ha scoperto un traffico illecito di alimenti Ue, acquistati con contributi comunitari per essere distribuiti gratuitamente a scopo assistenziale e invece rivenduti. A beneficiare degli aiuti comunitari e nazionale per mangiare sono 303.485 persone nei servizi mensa, mentre sono ben 3.764.765 i poveri che hanno avuto assistenza con pacchi alimentari, sulla base delle analisi della Coldiretti sull'ultima relazione pubblicata sul piano di distribuzione degli alimenti agli indigenti realizzata dall'Agenzia per le erogazioni in agricoltura (Agea). Secondo quanto precisato dai carabinieri del Nas, i provvedimenti sono stati eseguiti in Lombardia, dove sarebbe stata organizzata la frode, Lazio, Campania, Veneto, Emilia Romagna e Piemonte, mentre le perquisizioni sono state fatte in 19 province italiane. Dall'indagine è emerso che i produttori avevano consegnato quantitativi di ortofrutta, considerati "eccedenti" per le quote stabilite dall'Ue, a intermediari che avrebbero dovuto distribuirli ad enti socio assistenziali. Per questo i produttori ricevono dall'Ue un regolare contributo. Invece la frutta e la verdura venivano immesse sul mercato, falsificandone la provenienza, permettendo, in pochi mesi, di ricavare 4 milioni di euro. Gli arresti sono stati eseguiti a vario livello, dalle imprese che commercializzano gli stock fino agli operatori dei mercati rionali. © Riproduzione riservata