Mercoledi 20 settembre 2017 13:16

Rc auto: si arresta il trend al ribasso e la Campania resta la regione più cara




Sembra essersi arrestato il trend al ribasso che ormai da oltre un anno interessava i premi Rc auto: stando all'ultimo osservatorio Rc auto dei portali Facile.it e Assicurazione.it, relativo periodo dicembre 2015-febbraio 2016, i costi delle polizze mostrano un leggero aumento, pari all'1,42%. Lo scorso mese, per assicurare un'auto gli italiani hanno pagato mediamente 519,70 euro, premio comunque inferiore dell'11,38% rispetto a quello che le compagnie offrivano un anno fa. L'osservatorio ha preso in considerazione i prezzi praticati dalle compagnie assicurative italiane negli ultimi tre mesi. «Dopo un lungo periodo di ribassi era prevedibile che, sia pur leggermente, i premi riprendessero a crescere - ha affermato in un comunicato Mauro Giacobbe, amministratore delegato di Facile.it - È proprio in questa fase di premi in aumento che il servizio di confronto di polizze auto diventa ancora più utile». L'inversione del trend dei prezzi ha coinvolto, seppur con percentuali diverse, quasi tutte le regioni Italiane. Il record degli aumenti nell'ultimo trimestre è stato registrato in Valle d'Aosta e in Sardegna, dove l'Rc auto è cresciuta rispettivamente del 5,21% e del 5,20%. Nonostante ciò, la Valle d'Aosta rimane la regione più conveniente d'Italia per chi deve assicurare un'auto, con un premio medio pari a 328,03 euro (-16% negli ultimi dodici mesi). Seconda per la convenienza delle polizze auto è il Trentino Alto Adige, dove si pagano mediamente 360,84 euro. Al terzo posto, nonostante un aumento trimestrale del 2,25%, troviamo il Friuli Venezia Giulia, dove l'Rc auto, a febbraio, è stata pari a 362,12 euro. Il record dei premi più elevati spetta ancora alla Campania: anche qui il trend dei costi risulta in salita, seppur di poco (+0,97%), e il premio medio è pari a 825,38 euro, frutto comunque di un importantissimo calo annuale pari a oltre il 21%. Come nelle scorse rilevazioni, Calabria e Puglia sono le regioni che seguono la Campania per i premi più elevati, con una media rispettivamente pari a 645,30 e 631,31 euro. Anche qui i costi per assicurare l'auto sono calati sensibilmente nell'anno, ma nell'ultimo trimestre il segno si è invertito: per i calabresi le polizze, da novembre a febbraio, sono aumentate di oltre il 2%, mentre per i pugliesi la crescita si è fermata al +0,55%. Le regioni in cui i prezzi sembrano continuare la loro discesa sono il Molise e l'Umbria, dove il calo trimestrale è stato pari rispettivamente al 3,32% e al 2,14%. In Abruzzo e in Basilicata la discesa è più lenta con premi ridotti, nel trimestre, dell'1,13 e dell'1,71%. Più vicini alla stabilità, ma non ancora in aumento, i costi per l'Rc auto in Liguria, Sicilia e Trentino Alto Adige, regioni in cui il calo non ha raggiunto l'1%. Sul versante delle garanzie accessoria, sempre secondo le statistiche di Facile.it le ultime rilevazioni sui preventivi richiesti dagli automobilisti dimostrano come sia sempre più popolare la garanzia dell'assistenza stradale: a novembre 2015 la inseriva nel preventivo il 33,07% di chi voleva sottoscrivere una polizza, a febbraio 2016 la stessa percentuale è salita al 34,24%. La tutela legale (inclusa nel 23,64% dei preventivi) ha ormai superato per numero di preferenze quella contro gli infortuni al conducente (20,77%). Rimane quasi invariato rispetto all'ultima rilevazione il ricorso alla tutela contro furto e incendio, scelta dal 10,74% degli utenti. © Riproduzione riservata