Mercoledi 20 settembre 2017 05:51

Città metropolitana di Napoli, bonus per mille disoccupati. De Magistris: «Atto di grande solidarietà»
A disposizione 55 milioni di euro per progetto triennale di cui 10 milioni a carico del bilancio dello stato e i restanti 45 milioni a carico del bilancio regionale

09 giugno 2017



NAPOLI - Approvata all'unanimità dal Consiglio metropolitano di Napoli la delibera "Campania più": il protocollo d'intesa che prevede bonus occupazionali e assegni di collocazione per circa mille disoccupati di lunga durata per un valore complessivo di 55 milioni di euro di cui 10 a carico del bilancio dello stato e i restanti 45 a carico del bilancio regionale per un progetto triennale.

Si tratta di un piano triennale del valore complessivo di 55 milioni di euro (15 milioni per ognuno dei primi due anni derivanti dai fondi Por Campania 2014-20).

Dieci milioni dei 55 saranno disciplinati attraverso il protocollo d'intesa sottoscritto dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, Regione Campania e Città metropolitana di Napoli. Questi ultimi due si impegnano a realizzare le azioni del programma attraverso l'attivazione di procedura di evidenza pubblica che prevedono, nei fatti, l'assunzione dei disoccupati di lunga durata.

Soddisfatto de Magistris: «Un progetto che salvaguarda la dignità delle persone»

Soddisfazione è stata espressa dal sindaco Luigi de Magistris: «Un atto importante quello approvato oggi proprio perchè completa un iter raggiunto con la piena collaborazione istituzionale di Regione, Governo, Città metropolitana e Comune di Napoli. Con questo protocollo si ottengono grandi obbiettivi strategici: piena trasparenza sulle procedure e soprattutto e finalmente, si approva un progetto non assistenziale che salvaguardando la dignità delle persone, consente di investire realmente per lo sviluppo del territorio e senza sprechi».

Come si legge in una nota: «"Campania più" prevede più verde, più vigilanza e soprattutto più lavoro. Più verde grazie ad interventi di riqualificazione e manutenzione straordinaria del verde stradale della rete viaria di rilevanza regionale, provinciale e del relativo sistema di raccolta e smaltimento delle acque superficiali nell'ambito delle reti viarie. Più vigilanza attraverso la sorveglianza delle arterie stradali che sono maggiormente interessati dai fenomeni di abbandono di rifiuti. Più lavoro attraverso i bonus occupazionali e gli assegni di collocazione destinati a mille unità di disoccupati di lunga durata».

© Riproduzione riservata