Giovedi 24 agosto 2017 07:00

Crisi nel mondo dell’ippica, ad Agnano inviate 76 lettere di licenziamento




NAPOLI - Tagli e crisi anche all'ippodromo di Agnano dove la società "Ippodromi Partenopei srl", che il 31 dicembre giunge alla scadenza del mandato di gestione temporanea dell’ippodromo di Agnano, ha consegnato ben 76  lettere di licenziamento ad altrettanti dipendenti nelle more dell’indizione del bando di gara espletato dal Comune di Napoli per il nuovo affidamento temporaneo della struttura. «Nei prossimi giorni - si legge in una nota - alla luce degli sviluppi nazionali, il Cda della "Ippodromi Partenopei srl" si riunirà per valutare se sussistono le condizioni per proseguire l’attività di gestione dell’ippodromo di Agnano ed eventualmente partecipare alla gara». Intanto domani, lunedì 14 dicembre, a Napoli, parallelamente a quanto accadrà in altre città sedi di ippodromi, la società che gestisce la struttura per la corsa dei cavalli terrà un incontro con la stampa per denunciare lo stato di collasso in cui versa l’ippica nazionale e annuncerà l’impossibilità di proseguire l’attività a partire dal 1 gennaio 2016 per effetto dell’ulteriore taglio di 20 milioni di euro previsto dalle legge di Stabilità 2016, che «ridurrebbe le già insufficienti risorse destinate al comparto, giunte ad un livello ormai insopportabile». © Riproduzione riservata