Venerdi 22 settembre 2017 12:00

Bonus Tarsu per i residenti di Chiaiano, discusse in Commissione giovani le domande di rimborso
Il bonus Tarsu è stato interamente liquidato per gli anni 2009 e 2010, mentre per il 2011 si registrano notevoli ritardi tanto che presso l'Urp del Comune di Napoli circa 300 istanze sono in attesa di essere esaminate

15 febbraio 2017



NAPOLI - E' stata discussa oggi in Commissione giovani, presieduta da Claudio Cecere, la situazione delle domande di rimborso per il bonus Tarsu 2011 presentata dai residenti di Chiaiano.

Presenti al tavolo la dirigente del servizio Tari, Rosaria Rossi e Pasquale Palladino dell’assessorato al Bilancio del Comune di Napoli.

Istituito come fondo di compensazione per i cittadini residenti a Chiaiano, sede della discarica aperta nel 2009, il bonus Tarsu è stato interamente liquidato per gli anni 2009 e 2010. «Per il 2011 - ha dichiarato in apertura il presidente Cecere - si registrano notevoli ritardi nella definizione delle pratiche: presso l'ufficio relazioni con il pubblico del Comune di Napoli sono infatti giacenti 300 istanze in attesa di essere esaminate». Sono circa 500, secondo Rosaria Rossi, invece, le pratiche presentate direttamente all’ufficio Tari.

Urgente è dunque procedere ad un raffronto per verificare l’effettiva quantità di domande presentate, e procedere all'individuazione degli aventi diritto. «Si tratta si una procedura che richiede risorse umane - ha precisato la Rossi - che al momento non sono disponibili, alla luce anche delle molteplici esigenze di un ufficio che si occupa di servizio al pubblico e back-office».

Per i consiglieri intervenuti, il ritardo nell’istruttoria delle richieste di rimborso deve, invece, rappresentare l’occasione per una riflessione più ampia sull’organizzazione del personale e sull’accertamento delle entrate del Comune. Per Manuela Mirra (Riformisti democratici con de Magistris) è necessaria una riflessione su come l’attività di questi uffici potrà articolarsi con i progetti di creazione di un’agenzia comunale per la riscossione (“NapoliRiscossione”). Per Laura Bismuto (Dema) occorre una discussione seria e condivisa per procedere all’assunzione del personale tecnico attualmente in graduatoria dal concorso 2010, mentre per Domenico Palmieri (Napoli popolare) è urgente, in tema di risorse umane, una presa di posizione chiara per garantire efficientamento e meritocrazia, chiedendo ai dirigenti di assumersi chiare responsabilità nell’individuazione del personale che abbia la volontà e la competenza di operare in uffici così determinanti per assicurare le entrate dell’ente.

«I prossimi passi della Commissione - ha concluso Cecere - sono un’analisi dell’organigramma degli uffici che si occupano dell’accertamento delle entrate e la formulazione di precise richieste al direttore generale in base al fabbisogno di personale, ma anche una discussione per accertare la possibilità di reimpiegare i fondi di compensazione residui».

© Riproduzione riservata