Venerdi 20 ottobre 2017 18:01

Lo Zoo di Napoli alla Borsa Mediterranea del Turismo 2015




NAPOLI - Lo zoo di Napoli parteciperà alla 19esima edizione della Borsa Mediterranea del Turismo in programma presso la Mostra d'Oltremare dal 26 al 28 marzo. Lo rendono noto, attraverso un comunicato stampa, i nuovi gestori della struttura, che sottolineano come lo Zoo sia «prima di tutto una attrazione turistica, per il pubblico campano, nonché per i viaggiatori che scelgono la città per scoprire le sue svariate bellezze». Un'adesione legata soprattutto all'obiettivo di rilanciare l'immagine del giardino zoologico partenopeo, restituendo alla struttura il lustro di un tempo. «I visitatori abituali dello Zoo di Napoli, famiglie con bambini, giovani, anziani ecc, sono turisti della propria città - si legge nella nota - perciò aprirsi ad un pubblico più ampio di viaggiatori partecipando alla diciannovesima edizione della Borsa Mediterranea del Turismo è sembrato un passaggio ovvio, per chi ha deciso di far rinascere il giardino zoologico partenopeo, sulla scia della gloria del passato, quando era uno dei primi zoo italiani, con un'importante funzione nel campo dell'educazione naturalistica ed ambientale, nella ricerca scientifica e nella conservazione della biodiversità, e considerato per tutta la seconda metà del '900 un luogo ideale per le ricerche scientifiche, assumendo fama in tutta Europa». Un obiettivo al quale la neoproprietà, subentrata poco più di un anno fa ai 18 mesi di amministrazione controllata, sta lavorando già da tempo, con l'apertura di nuove aree all'interno del parco e l'arrivo di nuove specie animali: «Si sta lavorando in tal senso- prosegue il comunicato - ed il cambiamento radicale dello Zoo di Napoli si vede ogni giorno, raccontato da tutte le piccole grandi novità, passando dalle inaugurazioni: il rettilario, la fattoria, la grande voliera, il ripristino del laghetto, l’isola dei lemuri, l’area delle foche e quella degli orsi; all’arrivo di nuove specie: i samiango, i lemuri, i rapaci, i canguri, i binturong; passando alle nascite che è la parte che più inorgoglisce, visto che per la procreazione c’è bisogno di un habitat ideale, che evidentemente qui non manca, infatti questa primavera con il risveglio della natura sono nate caprette d’angora e tibetane, conigli nani, lepri, marsupiali wallaby, arieti giganti e cerbiatti». Oggi e domani le attrattive dello zoo verranno presentate agli operatori di settore presso il Padiglione 4, Stand 4013, mentre l'incontro con il pubblico finale è previsto per sabato 28 marzo. © Riproduzione riservata