Domenica 20 agosto 2017 02:30

Tensione e tafferugli al porto di Napoli: dipendenti Conateco in protesta contro i licenziamenti




NAPOLI - Nuova protesta questa mattina dei dipendenti Conateco (Consorzio napoletano terminal containers), consorzio che gestisce i container del porto di Napoli che rischia di dover abbandonare lo scalo napoletano per i forti debiti accumulati nei confronti dell’Autorità portuale. Traffico in tilt, mezzi pesanti incolonnati e grande caos con lancio di petardi e fumogeni sui binari di manovra, è la manifestazione dei lavoratori che protestano contro il licenziamento di 101 addetti. E' stato necessario l'intervento della Polizia per evitare che la manifestazione degenerasse in violenza. Tuttavia per i sindacati la situazione rischia di precipitare da un momento all'altro visto che la crisi non trova una via di uscita per i debiti accumulati, circa 7 milioni di euro, negli ultimi sette anni. Da un lato c’è l’Autorità portuale per la quale ogni adempimento va portato avanti dall’attuale management senza esitazioni, mntre dall'altro ci sono i colossi Msc e Cosco che prima di mettere mano al portafogli per una ricapitalizzazione vogliono capire cosa sia andato storto nella gestione della vertenza napoletana. Già lo scorso 18 giugno la Conateco aveva comunicato lo stato di crisi aprendo la procedura di licenziamento per  101 dipendenti, circa un terzo del totale, e riducendo da 250 a 500 euro lo stipendio ai 354 lavoratori rimanenti. © Riproduzione riservata