Martedi 14 agosto 2018 10:55

Le date dei saldi in Campania, il via è previsto tra pochi giorni

31 dicembre 2016

Con il nuovo anno tornano i saldi invernali. Prenderanno il via a Napoli in Campania il prossimo 5 gennaio e dureranno fino al 2 aprile. Le previsioni di vendita per la stagione degli sconti non sono rosee. «Anche quest'anno i saldi di fine stagione faranno registrare segno negativo», fa sapere il Codacons, che ha realizzato una prima indagine sulla propensione delle famiglie alla spesa durante gli sconti che partiranno in tutta Italia il prossimo 5 gennaio. Il budget medio nazionale dedicato ai saldi scenderà quindi a una media di 175 euro a famiglia ma, rileva il Codacons, meno di un cittadino su due (il 45% circa) deciderà di fare acquisti durante il periodo di sconti. «Si prevede una contrazione media delle vendite del -5% rispetto ai saldi invernali del 2016 - spiega il presidente dell'associazione dei consumatori, Carlo Rienzi - Questo perché la partenza degli sconti è fissata subito dopo le feste di Natale e Capodanno, quando cioè i portafogli degli italiani sono stati già svuotati dalle spese per regali e cenoni, e poche risorse rimangono da destinare ad altri acquisti».

I consigli antitruffa per i saldi

La Guardia di Finanza ha pubblicato alcuni consigli antitruffa per non incappare in delusioni durante il periodo dei saldi. Lo sconto deve essere espresso in percentuale e sul cartellino deve essere indicato anche il prezzo normale di vendita. Il venditore è tenuto ad applicare lo sconto dichiarato. I negozianti convenzionati con una carta di credito sono tenuti ad accertarla anche nel periodo dei saldi. Consentire la prova dei capi non è un obbligo, ma è rimesso alla discrezionalità del negoziante. Quando è possibile, sempre meglio provare l’articolo scelto, ricordando che, in assenza di difetti, la possibilità di cambiare il capo o il prodotto non è imposta dalla legge, né durante i saldi né durante le vendite normali, ma è anch’essa rimessa alla discrezionalità del commerciante. Se si è incerti sull’acquisto sarà utile chiedere al negoziante se è possibile effettuare un cambio e il limite di tempo per farlo. Conservate sempre lo scontrino, perché se un difetto si palesa dopo l’acquisto, anche nel periodo dei saldi la legge garantisce all’acquirente il diritto di cambiare la merce difettosa. Il negoziante è quindi obbligato a sostituire l’articolo difettoso anche se dichiara che i capi in saldo non si possono cambiare. Un ulteriore consiglio da aggiungere al vademecum delle Fiamme Gialle è il controllo del prezzo degli articoli a cui si è interessati prima dell'entrata dei saldi, per smascherare eventuali sconti farlocchi.

© Riproduzione riservata